Uzbekistan

Published on giugno 17th, 2022 | by Eurasia News

0

LO SCO NEL SISTEMA DI PRIORITÀ DI POLITICA ESTERA DEL NUOVO UZBEKISTAN

Il 15 giugno ricorre il 21° anniversario dell’istituzione della Shanghai Cooperation Organization (SCO), una delle organizzazioni internazionali più giovani e in via di sviluppo dinamico. Nell’ultimo periodo, ha compiuto un rapido salto dal formato di un meccanismo consultivo a un’associazione interstatale su vasta scala.

L’Uzbekistan è stato tra i paesi che hanno dato origine all’istituzione dell’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai, ha dato e continua a dare un contributo significativo al suo progressivo sviluppo; e nel biennio 2021-2022, il Paese presiede questa organizzazione di alto profilo.

In un’intervista rilasciata all’agenzia di informazioni Dunyo , il ministro degli Esteri ad interim Vladimir Norov ha parlato delle iniziative dell’Uzbekistan presentate dal presidente Shavkat Mirziyoyev alla SCO e delle prospettive di cooperazione con questa organizzazione.

L’intervista

– Gentile ministro Vladimir Imamovich, le siamo grati per aver gentilmente accettato di rispondere alle nostre domande. Soprattutto perché la SCO non è solo una delle aree prioritarie della cooperazione internazionale dell’Uzbekistan, ma anche l’organizzazione in cui lei ha avuto l’opportunità di ricoprire il ruolo di Segretario generale nel 2019-2021. Le dispiacerebbe dirci cos’è la SCO oggi e quale ruolo svolge nell’arena internazionale?

VN In primo luogo, vorrei sottolineare che in un periodo di tempo relativamente breve l’Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai ha compiuto un notevole sviluppo ed è diventata parte integrante del contesto politico ed economico globale. Oggi, la SCO è la più grande organizzazione regionale del mondo. La superficie totale dei suoi stati membri supera i 34 milioni di kmq. Questo è più del 60% del territorio del continente eurasiatico. La popolazione totale degli stati SCO è di 3,2 miliardi di persone, ovvero circa la metà della popolazione mondiale. L’Organizzazione riunisce 8 membri permanenti, 4 Stati osservatori e 9 partner di dialogo. «La grande famiglia di SCO» con 21 paesi copre tre continenti: Asia, Europa e Africa. Insieme a questo, l’interesse di altri paesi nell’interazione con la struttura in un formato o nell’altro continua a crescere. L’autorità internazionale della SCO è rafforzata dall’espansione coerente della rete delle sue organizzazioni partner: l’ONU e le sue istituzioni specializzate, ASEAN, CSI, CSTO, EAEU, CICA, ECOLe relazioni sono in corso di definizione con la Lega degli Stati arabi e una serie di altre strutture multilaterali. 

Attualmente, lo spazio SCO è una regione autosufficiente in termini di enormi riserve di materie prime, prodotti manifatturieri, manodopera qualificata e capitale umano, nonché potenziale tecnologico. Il volume totale delle economie degli stati membri della SCO è di circa 20 trilioni di dollari, ovvero 13 volte di più rispetto all’epoca della sua istituzione. Il territorio dell’Organizzazione rappresenta il più grande mercato di consumo al mondo. Oggi, il PIL aggregato dei membri della SCO ha raggiunto circa ¼ della cifra globale. Entro il 2030, questa cifra potrebbe aumentare fino al 35-40% del PIL mondiale. La SCO ha un enorme potenziale di trasporto e transito che attende la sua attuazione pratica. Nel contesto della diversificazione delle filiere globali, la creazione di nuovi corridoi ferroviari e stradali internazionali in Eurasia lungo le direttrici Est-Ovest e Nord-Sud sta acquisendo una dimensione strategica. Va tenuto presente che la SCO è una piattaforma promettente per rafforzare il dialogo tra le civiltà, la cooperazione culturale e umanitaria. L’importanza di questa direzione sta crescendo soprattutto sullo sfondo di una sfiducia aggravata e di stati d’animo antagonisti nel mondoLa partecipazione di diversi paesi in un’organizzazione, ciascuno con una ricca storia e un patrimonio culturale unico, contribuisce a rafforzare la comprensione reciproca e lo spirito di cooperazione in Eurasia.

– Come è noto, il presidente Shavkat Mirziyoyev ha individuato nella regione dell’Asia centrale la principale priorità di politica estera dell’Uzbekistan. Come valuta il ruolo della SCO nel rafforzamento del regionalismo dell’Asia centrale?

VNLa SCO è stata costituita principalmente a causa della nuova situazione in Asia centrale dopo il crollo del sistema bipolare alla fine del XX secolo, quando il mondo stava entrando in un nuovo secolo con problemi complessi e conseguenze imprevedibili. Nel periodo difficile, la necessità di una cooperazione regionale istituzionalizzata dei giovani Stati indipendenti dell’Asia centrale per contrastare nuove minacce e problemi multiforme era una realtà oggettiva. In questo senso, l’istituzione della SCO è stata il risultato diretto degli sforzi per garantire stabilità e sicurezza in Asia centrale. Di conseguenza, il suo contributo, in primo luogo, al rafforzamento della stabilità e allo sviluppo della cooperazione regionale in Asia centrale può essere considerato come il più importante «valore aggiunto» della formazione e delle attività della SCO. Questo è un fatto riconosciuto e onorato nel tempo.

Oggi, la SCO sta dando un contributo significativo al mantenimento della pace e della stabilità nella regione. I suoi risultati, principalmente nel campo della lotta alle minacce del terrorismo, dell’estremismo e del separatismo, sono indiscutibili. Il primo documento multilaterale al mondo che ha definito il concetto di «terrorismo» – la Convenzione SCO sulla lotta al terrorismo, al separatismo e all’estremismo del 15 giugno 2001 – è stato sviluppato nell’ambito della SCO. La struttura antiterrorismo regionale della SCO (RATS SCO), con sede a Tashkent, sta svolgendo un lavoro coerente in questa direzione. Sotto il coordinamento di RATS SCO, si stanno adottando misure efficaci congiunte per sradicare le cause, le fonti e le manifestazioni delle «forze dei tre mali». Le esercitazioni antiterrorismo della SCO, compresa l’individuazione e la repressione dell’uso di Internet a fini terroristici, estremisti e separatisti, nonché l’operazione internazionale antidroga «Web» si svolgono regolarmente. Attraverso i segretari dei Consigli di sicurezza, i ministri della Difesa, degli Affari interni, i capi delle agenzie antidroga degli Stati membri, viene mantenuto un dialogo regolare su un’ampia gamma di questioni relative all’ampio segmento della sicurezza.

La cooperazione è stata istituita per garantire la sicurezza delle informazioni internazionali. Esiste un gruppo di lavoro in questo settore e il programma di cooperazione sulla sicurezza internazionale dell’informazione è stato preparato e adottato con la partecipazione attiva della parte uzbeka. Tuttavia, il contributo della SCO alla stabilità nella regione va oltre. In pratica, l’Organizzazione considera la sicurezza e lo sviluppo economico come componenti chiave interconnesse. Questo è il ruolo importante della SCO nel mantenere la stabilità e lo sviluppo sostenibile nella regione. Nonostante i cambiamenti in atto all’interno e intorno alla regione, dopo oltre 20 anni l’Asia centrale rimane il nucleo geografico della SCO. C’è una piena comprensione tra gli Stati membri che la stabilità e lo sviluppo sostenibile nella regione rimangono un imperativo e, per questo motivo, questi compiti dovrebbero continuare a essere al centro dell’attenzione dell’Organizzazione. Nella dichiarazione del vertice dell’anniversario della SCO 2021 a Dushanbe, i leader di tutti gli Stati membri hanno espresso all’unanimità il loro sostegno ai recenti sforzi dei paesi dell’Asia centrale per garantire lo sviluppo sostenibile e creare uno spazio di fiducia e amicizia nella regione, hanno approvato l’idea di ampliare il ruolo attivo della SCO nel rafforzare ulteriormente la loro stabilità e lo sviluppo sociale ed economico.

Accolgono inoltre con favore lo svolgimento di riunioni consultive periodiche dei capi di Stato della regione dell’Asia centrale, avviate dal Presidente dell’Uzbekistan. Il sostegno della SCO al nuovo processo dell’Asia centrale dal 2017 è senza dubbio molto importante sia per la regione stessa che per trasformare lo spazio dell’Organizzazione in una zona di stabilità, sviluppo reciprocamente vantaggioso e cooperazione efficace. In questo contesto, è ragionevole essere fiduciosi che il termine «Spirito dell’Asia Centrale» sia emerso relativamente di recente nel lessico politico internazionale e rafforzi e arricchisca la base dottrinale della SCO – lo «Spirito di Shanghai». È ovvio che l’espansione dei membri dell’Organizzazione, insieme alla situazione in rapida evoluzione nella regione e nel mondo nel suo insieme, apporta alcuni adeguamenti all’agenda della SCO.

Questo è un processo oggettivo, ma non toglie in alcun modo il ruolo dell’Organizzazione nella nostra regione. Si apre infatti il ​​collegamento con la «responsibility zone» della SCO dei maggiori paesi dell’Asia meridionale, India e Pakistan. Nonché, sullo sfondo della emergente traiettoria di espansione verso il Medio Oriente, per i paesi dell’Asia centrale attraverso la SCO si aprono nuove prospettive: si sta trasformando in una potente piattaforma multilaterale per lo sviluppo congiunto e l’attuazione di iniziative reciprocamente vantaggiose nello sviluppo di interconnessioni multifunzionali sull’immenso spazio eurasiatico: dai trasporti, alle infrastrutture, all’energia, all’economia «verde» e alla trasformazione digitale.

– Per favore, ci può parlare in questo contesto delle priorità della cooperazione tra l’Uzbekistan e la SCO?

VNL’Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai occupa un posto speciale nella struttura della diplomazia multilaterale dell’Uzbekistan. Ciò è dovuto a due ragioni principali:

  1. In primo luogo, il nostro Paese, pur non partecipando ai cosiddetti «Shanghai Five», istituiti a metà degli anni ’90 per risolvere le questioni di confine tra la Cina e alcuni stati post-sovietici (Russia, Kazakistan, Kirghizistan e Tagikistan), ha svolto un ruolo molto importante nel trasformare la piattaforma di dialogo in un’organizzazione a tutti gli effetti.

  2. In secondo luogo, in quanto uno dei sei stati fondatori della SCO, l’Uzbekistan ha partecipato direttamente e attivamente allo sviluppo dei principi di base e dei documenti costitutivi dell’Organizzazione, nonché all’istituzione e allo sviluppo dei suoi fondamenti istituzionali.

Gli Stati membri di questa Organizzazione sono i vicini più prossimi e i partner strategici del nostro Paese. Una cooperazione multidisciplinare come parte della SCO serve a rafforzare la cooperazione regionale e interregionale multilaterale e a sviluppare la cooperazione con ciascuno di questi stati. Nel sistema delle priorità di politica estera del nuovo Uzbekistan, l’Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai è più che mai richiesta come piattaforma multilaterale per l’attuazione di una cooperazione aperta, pragmatica, ampia e reciprocamente vantaggiosa. Di conseguenza, l’attuale strategia del nostro Paese in merito alla SCO si basa su principi chiave come iniziativa, costruttività, pragmatismo e apertura alla cooperazione. L’Uzbekistan è interessato a sfruttare appieno il potenziale dell’Organizzazione nelle nuove condizioni della sua evoluzione, in primo luogo aumentando la cooperazione pratica in aree promettenti che soddisfano gli interessi vitali di tutti i paesi partecipanti.

Nel 2017-2021, il nostro Presidente ha presentato ai vertici SCO circa 50 iniziative importanti e rilevanti. Soprattutto, queste proposte sono attuate in modo coerente come parte delle «road map», documenti legali, politici e concettuali della SCO, nonché sotto forma di nuovi meccanismi di cooperazione multilaterale. La formula dichiarata dal Presidente dell’Uzbekistan al vertice dell’Organizzazione nel 2020 «SCO è forte solo quando ognuno di noi è forte» rivela pienamente l’essenza dell’approccio costruttivo dell’Uzbekistan nei confronti di questa struttura secondo lo «spirito di Shanghai». Inoltre, il Presidente dell’Uzbekistan ha chiaramente dimostrato una politica di iniziativa e apertura nel suo discorso programmatico durante il vertice dello scorso anno a Dushanbe, rappresentando le priorità della Presidenza uzbeka presso la SCO. Queste iniziative, che riflettono entrambi gli obiettivi chiave dello sviluppo interno e gli interessi del nostro Paese nella sfera della cooperazione internazionale, integrano con successo gli obiettivi e gli obiettivi della SCO nella nuova fase del suo sviluppo.

Includono l’ulteriore rafforzamento del potenziale della SCO rafforzando la cooperazione multilaterale nel campo del commercio interregionale, della cooperazione industriale, dell’innovazione, dell’economia «verde» e digitaleInoltre, l’attuazione pratica dello «Shanghai Spirit» da parte della diplomazia pubblica, del turismo, del rafforzamento dell’amicizia e del buon vicinato, delle nuove iniziative culturali e umanitarie, dell’arricchimento dell’agenda della SCO attraverso la promozione di nuove direzioni e forme di cooperazione in aree potenziali come l’informazione e la comunicazione, sono importanti anche le tecnologie, la riduzione della povertà, la quarantena delle piante, il miglioramento del profilo globale di SCO e l’ampliamento della sua cooperazione internazionale.

– Potrebbe spiegare gli obiettivi e le iniziative della presidenza dell’Uzbekistan presso l’Organizzazione in modo più dettagliato?

VNCertamente, tutto ciò che ho citato sopra non è una mera dichiarazione, ma è seguita da azioni reali. Ad esempio, il Piano della presidenza dell’Uzbekistan prevede più di 80 attività principali e più della metà di esse è stata attuata. Coprono non solo le direzioni di cooperazione già stabilite nella SCO, ma anche nuove aree richieste, come lo sviluppo della cooperazione nel commercio interregionale, la cooperazione industriale, le innovazioni, la riduzione della povertà, la trasformazione digitale e altri ambiti. Pertanto, la parte uzbeka ha effettivamente introdotto una serie di nuove aree di cooperazione nell’ambito della SCO, promuovendo l’arricchimento della sua agenda in base alle circostanze attuali. Sono stati introdotti i nuovi approcci e metodi di organizzazione degli eventi SCO. Si tengono non solo a Tashkent ma anche nelle regioni, il che consente di familiarizzare da vicino i nostri partner SCO con il potenziale di cooperazione regionale. In particolare, sono state organizzate riunioni del Consiglio dei Coordinatori Nazionali SCO nelle città di Nukus, Bukhara e FerghanaUna riunione dei ministri dei trasporti si è tenuta il 12 maggio 2022 a Khiva e una conferenza internazionale sui problemi della povertà si è tenuta a Bukhara il 26 e 27 maggio 2022.

Numerosi eventi si terranno a Samarcanda in agosto questo anno. Nel frattempo, le riunioni e le conferenze dei ministri sono accompagnate da forum e conferenze tematiche. La Presidenza uzbeka ha avviato e già attuato eventi importanti come:

  • il Forum della diplomazia pubblica della SCO (11-12 maggio 2022),

  • il Forum del turismo (20 maggio 2022),

  • il Forum della medicina tradizionale (7 giugno 2022)

  • e un Concorso tra Start-up di progetti di giovani talenti degli Stati membri dell’Organizzazione.

Pertanto, tutte queste piattaforme sono progettate per fornire un’agenda pertinente, raggiungere accordi importanti e concordare ulteriori progetti congiunti, il che è di vitale importanza nelle condizioni di rilancio post-pandemia dell’economia degli Stati membri della SCO. Pertanto, il formato introdotto dalla parte uzbeka consente di garantire risultati pratici e delineare nuove direzioni per i rappresentanti delle comunità imprenditoriali dei nostri paesi.

Ovviamente, l’obiettivo principale di questa presidenza è riempire di sostanza l’attuale agenda delle attività dell’Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai. Per attuare le iniziative promosse dal Presidente dell’Uzbekistan, durante la sua presidenza sono stati preparati 14 nuovi documenti concettuali. Questi documenti si concentrano sull’espansione sostanziale e istituzionale delle sfere di cooperazione nella SCO. Un’attenzione particolare dovrebbe essere prestata ai nuovi documenti, come la strategia di interconnessione dei trasporti, il piano di sviluppo commerciale interregionale, il programma di sviluppo delle infrastrutture e l’istituzione dell’Istituto SCO Goodwill AmbassadorTutte le iniziative proposte dal Presidente dell’Uzbekistan sono logicamente interconnesse e si completano a vicenda. Ad esempio, lo sviluppo del commercio interno consente l’eliminazione degli ostacoli agli scambi, la convergenza delle regolamentazioni tecniche e la digitalizzazione delle procedure doganali. Durante la Presidenza uzbeka, queste e altre questioni hanno trovato posto non solo nell’agenda delle riunioni e delle conferenze dei ministri.

Saranno inoltre discussi con le comunità imprenditoriali degli Stati membri della SCO nell’ambito di importanti eventi di attualità come lo SCO Economic Forum, la SCO Industrial Innovation Week, il Forum dei capi delle regioni, il Forum della cooperazione industriale, la Mostra di frutta e verdura «Sunny Uzbekistan», e altri eventi. Un progetto davvero innovativo è stato creato nella regione di Samarcanda come parte della zona industriale dell’Uzbekistan-SCO. Questa piattaforma è destinata a diventare un meccanismo efficace per l’attuazione del Programma per la stimolazione della cooperazione industriale tra gli SCO Business Circles avviato dal Presidente dell’Uzbekistan, attirando ulteriori investimenti, soluzioni tecnologiche e innovative per la produzione di prodotti ad alto valore aggiunto. Nel frattempo, l’iniziativa promossa da Tashkent per rafforzare l’interconnettività all’interno della SCO è quella di sfruttare efficacemente l’enorme potenziale di trasporto e transito nell’ampio spazio dell’Organizzazione. A questo proposito, l’Uzbekistan intende, insieme ai suoi partner, utilizzare il potenziale della Shanghai Cooperation Organization per accelerare l’attuazione pratica del sistema di corridoi di trasporto come Uzbekistan-Kyrgyzstan-Cina, Termez-Mazar-i-Sharif-Kabul- Peshawar, Lanzhou-Kashgar-Irkeshtam-Osh-Andijan-Tashkent-Mari e altre rotte, che acquisiscono una speciale natura strategica nelle attuali condizioni geoeconomiche.

La Strategia di connettività SCO proposta dall’Uzbekistan contribuisce anche al rilancio del ruolo economico e di transito unico dell’Afghanistan in tutta l’Eurasia. Non c’è dubbio che l’Afghanistan sia un fattore chiave per garantire la sicurezza e la stabilità a lungo termine nella regione. Sfortunatamente, a causa dei ben noti eventi nel mondo, c’è stato un leggero calo dell’attenzione della comunità internazionale sull’Afghanistan. La tragedia del popolo afgano, se lo Stato viene lasciato solo con una catastrofe umanitaria, potrebbe portare a nuovi flussi di profughi, un aumento della minaccia della droga e un’impennata del terrorismo. Nessuno stato della SCO è interessato a lasciare un focolaio di instabilità nel cuore dell’Eurasia e minacce alla sicurezza dei paesi vicini provenienti dal territorio afghano. La realtà di oggi richiede alla nostra Organizzazione di intraprendere azioni più concrete e di coinvolgere l’Afghanistan nelle iniziative regionali, compresi i progetti infrastrutturali.

A questo proposito, la promozione dello sviluppo di approcci consolidati all’interno della SCO in relazione alla strategia di sviluppo postbellica dell’Afghanistan è naturalmente annoverata tra le priorità chiave della presidenza del nostro Paese presso l’Organizzazione. In breve, le priorità chiave della presidenza della SCO, delineate dal Presidente dell’Uzbekistan, sono nell’interesse di tutte le parti e, soprattutto, mirano a garantire stabilità, sviluppo sostenibile e rafforzare l’amicizia e il buon vicinato in tutto lo spazio della SCO.

– Come è noto, l’Uzbekistan, in qualità di presidente della SCO, ospiterà quest’anno il vertice dei capi degli Stati membri dell’Organizzazione. Per quanto ne sappiamo, questo incontro si svolgerà a Samarcanda nel settembre di quest’anno. Potrebbe dirci come stanno andando i preparativi per questo Summit e condividere la sua valutazione del ruolo e del significato del prossimo evento.

VNÈ assolutamente vero che la presidenza dell’Uzbekistan nell’Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai si avvicina all’evento principale: la riunione del Consiglio dei capi di Stato a Samarcanda, un solido pacchetto di nuovi documenti legali e concettuali per portare le interazioni multiformi all’interno dell’Organizzazione a un nuovo livello qualitativo. La scelta di Samarcanda ha un significato profondo: questa città è da tempo immemorabile luogo di incontri storici e di dialogo tra civiltà, un ponte di reciproco arricchimento culturale e umanitario e lo sviluppo del commercio internazionale, rafforzando il buon vicinato. Samarcanda ha acquisito una dimensione speciale, fungendo da piattaforma unica per convocare e promuovere le più importanti iniziative internazionali e diplomatiche nella diplomazia dinamica e proattiva del nuovo Uzbekistan. Negli ultimi anni, la città ha ospitato numerosi importanti forum, come:

  • la Conferenza internazionale «Central Asia: One Past and a Common Future, Cooperation for Sustainable Development and Mutual Prosperity» (2017),

  • Asian Forum on Human Rights (2018 ), che si è poi trasformato nel Forum di Samarcanda sui Diritti Umani (2020),

  • e altri.

Come il rappresentante speciale del Segretario generale delle Nazioni Unite e capo del Centro regionale per la diplomazia preventiva in Asia centrale, Natalia German, ha notato, lo slancio, ricevuto da queste piattaforme, si riflette chiaramente nello «spirito di Samarcanda» per discutere le questioni di attualità di sviluppo regionale e globale in un’atmosfera di buon vicinato, amicizia e apertura, contribuendo alla formazione di nuovi formati di cooperazione in Asia centrale, l’asse geografico dello spazio SCO. L’eredità unica di Samarcanda e il suo nuovo potere creativo corrispondono a una base di valori SCO: i principi di fiducia, vantaggio reciproco, uguaglianza, rispetto per la diversità delle culture e sviluppo congiunto. Oggi, alla vigilia del vertice, una «perla» della Grande Via della Seta sta vivendo una nuova nascita con una ricostruzione su larga scala ed è pronta ad ospitare il più grande forum politico e diplomatico dell’anno nello spazio eurasiatico. In un’atmosfera così favorevole al Vertice di Samarcanda i Capi di Stato discuteranno le nuove sfide e i nuovi compiti che la SCO deve affrontare alla luce di una profonda trasformazione delle moderne relazioni internazionali e prenderanno una serie di importanti decisioni che avranno un significato storico per la ulteriore evoluzione dell’Organizzazione.

Una delle questioni chiave all’ordine del giorno del vertice è l’ulteriore espansione della SCO. È già pronto per la firma un Memorandum di impegni della Repubblica islamica dell’Iran per ottenere lo status di Stato membro della SCO. Il documento aprirà praticamente la strada a una piena adesione di questo grande paese mediorientale alla nostra Organizzazione. Inoltre, saranno prese in considerazione le candidature provenienti da circa 10 paesi in più per la partecipazione alle attività della SCO come membri a pieno titolo, osservatori e partner di dialogo. Al vertice è prevista anche la firma di memorandum sull’instaurazione di relazioni di partenariato tra la SCO e una serie di altre organizzazioni internazionali e regionali, come LAS, UNESCO ed ESCAPIn questo contesto, il prossimo vertice sotto la presidenza uzbeka acquisisce un significato speciale in quanto fornisce una piattaforma molto tempestiva ed efficace per i leader degli «otto di Shanghai» per discutere tutta una serie di questioni di attualità nell’agenda regionale e globale. Tutto ciò ispira fiducia che il Vertice di Samarcanda segnerà adeguatamente l’ingresso della SCO nel terzo decennio, aprendo una nuova pietra miliare nella sua evoluzione.

– Grazie, Vladimir Imamovich, per il suo tempo e le sue significative informazioni!

VNÈ stato per me un piacere.

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,


About the Author



Comments are closed.

Back to Top ↑
  • Translator

  • Eurasia News TV

  • Official Facebook page

    Facebook By Weblizar Powered By Weblizar
  • 
      • Mosca
      • Roma
      • Baku
        • Wednesday 06 07
        • ??°
        • icon
          • Min°
          • Max°
    Geolocation...
    weather press loader
    • Recent Posts

    • Archivi

    • Newsletter

      Subscribe to our newsletter