Società

Published on aprile 28th, 2020 | by Eurasia News

0

EUTANASIA: LO STATO NON PUO’ AVALLARLA COME RISPOSTA ALLA SOFFERENZA

La Corte Suprema olandese ha dato il via libera qualche giorno fa all’eutanasia sui pazienti affetti da demenza avanzata, seppur non in grado di reiterare il loro desiderio a morire.  La sentenza nasce a seguito di un processo inedito che vedeva coinvolta una dottoressa, poi prosciolta,  accusata di aver proceduto all’eutanasia su una paziente affetta da Alzheimer, senza avere la certezza del suo consenso. Il pubblico ministero aveva poi rinviato il caso dinanzi la Corte suprema, proprio per chiarire le condizioni in cui un medico può procedere all’eutanasia anche se il paziente non è più in grado di dare il suo consenso, quindi senza rischiare il processo. “L’eutanasia si può attuare anche quando il paziente è incapace di esprimere la sua volontà a causa di una demenza avanzata” ha riferito la massima giurisdizione olandese, precisando che in tal caso “il medico può dare seguito ad una domanda pregressa scritta“.

Eutanasia, dal greco, significa letteralmente buona morte, ed è il procurare intenzionalmente e nel suo interesse la morte di un individuo la cui vita è definitivamente compromessa da una malattia, menomazione o condizione psichica. 

I Paesi Bassi sono stati uno dei primi al mondo ad aver legalizzato l’eutanasia,(nel 2002),   attuabile dopo che almeno due medici attestano l’assenza di altra soluzione ragionevole per il paziente, la cui sofferenza è insopportabile e le cui condizioni di salute non possono in alcun modo migliorare. Anche i minorenni tra i 12 e i 16 anni possono fare ricorso all’eutanasia, con l’unica condizione dell’autorizzazione dei genitori mentre tra i 16 e i 18 basta informare i genitori senza avere necessariamente il loro consenso. Ma l’Olanda si è spinta oltre- con il protocollo di Groninger, elaborato dal professor Eduard Verhaegen nel 2004, che attenzione, non è mai diventato legge ma costituisce oggi giorno la prassi, è possibile l’eutanasia anche in quella fascia d’eta’ da sempre tutelata dalla legge, quella compresa tra gli 0 e i 12 anni. Certo, il protocollo specifica tutte le condizioni in cui è possibile svolgerla, soprattutto il ricorso alla pratica solo in casi particolarmente gravi  e per cui “la sofferenza dei genitori” è esasperante, ma in questo caso basta il consenso medico e degli stessi. 

L’eutanasia è ammessa  anche «quando motivata da inaudite sofferenze o estrema debolezza fisica e perdita della dignità» e quindi riguardano non solo patologie terminali, degenerative o irreversibili. Sono incluse nel perimetro della legge anche la malattia mentale e la depressione. Ma se per ricorrere all’eutanasia serve una scelta libera e indipendente, come possono soggetti che presentano malattie neurodegenerative essere consepelvolmente liberi e indipendenti?Dal punto di vista del diritto, il loro consenso non sarebbe valido. Stesso vale per i bambini. Quindi, il concetto di autodeterminazione alla base dello stesso principio eutanasico , è crollato. La morte rappresenta oggi giorno in Olanda, molto spesso,  l’analgesico contro la sofferenza.  

L’eutanasia è  anche un servizio sanitario di base che ogni olandese paga  alla propria assicurazione – in questa logica è lecito affermare che sia anche un discreto business economico.

Nel 2019 una ricerca pubblicata poi dal The Guardian ha mostrato come il 25% delle morti in Olanda avvenisse per eutanasia. Negli anni precedenti le statistiche mostravano che ben 431 morti,  non erano state consenzienti, ma nulla o poco è stato fatto nonostante queste morti fossero sotto il profilo giuridico, omicidi. Tra questi fece scalpore la sentenza del  Tribunale dell’Aja che assolse un medico per aver ucciso con un’iniezione letale una paziente affetta da demenza che non aveva chiesto di morire.

La questione eutanasica in Olanda quindi,  è andata via via con il tempo allaregando i propri confini:  all’inizio prevista solo per gli adulti in casi di eccezionale gravità come malattie terminali o gravi disabilità, poi estesa a categorie sempre più ampie della popolazione: da coloro affetti da sofferenza psicologica o psichica, ai bambini, per finire a quelli che,  nonostante in salute, fossero stanchi di vivere. E’ questo l’ultimo baluardo. Già anni fa  l’associazione professionale dei medici dei Paesi Bassi , sostenne  in una relazione che i criteri allora in vigore per applicare l’eutanasia sono inutili e che tale pratica deve essere accessibile a tutti, anche a coloro che, seppur in salute, si sentono pronti ad interrompere la propria vita. Difatti, lo scorso gennaio  il governo olandese ha commissionato uno studio sul diritto al suicidio assistito per «vita completata», cioè per chi vuole morire e non è malato, ma ritiene che la sua vita non abbia più senso. Ulteriore approfondimento del caso arriva nel momento in cui il governo olandese sta vagliando la possibilità di approvare una pillola suicida o “pillola di Drion”(che prende il nome del teorico che ha sollevato questa possibilità) destinata a persone di più di 70 anni che vogliono semplicemente porre fine alla loro vita, sia che siano sane o malate», 

Insomma, qualcosa nato in funzione di un progresso civile e dalla volontà di dare all’individuo libertà di scelta a fronte di un grande male, si è ribaltato esattamente nel suo contrario: assenza o poche garanzie proprio per i soggetti più deboli , che non sono in grado neanche di comprendere che cosa sia una scelta. 

Certo, è un diritto disporre della propria vita, tutti i giorni nel mondo decine di persone scelgono liberamente di suicidarsi. E’ giusto interrogarsi sul mettere fine ad inaudite sofferenze in quei pazienti che non hanno speranze e che vogliono mettere fine alla propria vita, ma lo Stato non può avallare l’eutanasia come risposta alla sofferenza. Di questo passo la deriva è inevitabile. Chiunque potrà chiedere di morire, adolescenti rifiutati, uomini che hanno perso il lavoro, anziani soli.  Se accettiamo l’idea che uccidere/si è la risposta giusta per rispondere alla sofferenza, il resto è logica consequenziale. La gente accetta l’idea e si abitua. E i segnali di tale deriva diventano sempre più forti- in questi mesi di pandemia l’associazione olandese per la libera eutanasia ha sospeso l’attività causa emergenza coronavirus, dichiarando come in questo periodo fosse più importante salvare vita umane. Numerose persone in lista hanno protestano per la decisione. Questi alcuni passaggi: 

Se per causa di forza maggiore sono costretto ad aspettare ma nel frattempo vengo contagiato dal coronavirus, allora posso approfittarne per domandare di morire subito con l’eutanasia?” – la risposta è stata: “no, la legge sull’eutanasia prevede che si applichi solo in caso di sofferenza insopportabile, duratura e senza speranza: non è detto che si muoia di coronavirus, ci sono ottime possibilità di guarire. Pertanto il Covid-19 non può essere usato come scusa per ottenere l’eutanasia“. Qualcun altro ha chiesto se dovesse per forza stare in quarantena visto che da tempo voleva morire. La risposta secca è stata che “la quarantena è per tutelare gli altri. Non lei.

Insomma, sembra di giocare a un videogame. 

Ora, non spetta a noi giudicare uno dei paesi più all’avanguardia del mondo ne’ guardare con la nostra lente una cultura che differisce dalla nostra sotto molteplici aspetti.  Nell’eterno dibattito tra una concezione taylorista universalista della Cultura e una particolarista, per dirla con Boas, gli antropologi  nell’ultimo secolo hanno, ( pare) definitivamente accettato che la Cultura ( cioè la visione del mondo e la condivisione di tali valori) è propria dei popoli. Nostra premura però è interrogarsi, continuamente, su ciò che accade nel mondo, per evitare che il tanto acclamato progresso si trasformi in viltà e strumentalizzazione di altri interessi.

Noemi Maria Cognigni

Tags: , , , , , , , , , , , ,


About the Author



Comments are closed.

Back to Top ↑
  • Translator

  • Eurasia News TV

  • Official Facebook page

    Facebook By Weblizar Powered By Weblizar
  • 
      • Mosca
      • Roma
      • Baku
        • Tuesday 02 06
        • ??°
        • icon
          • Min°
          • Max°
    Geolocation...
    weather press loader
    • Recent Posts

    • Archivi

    • Newsletter

      Subscribe to our newsletter