Europa

Published on aprile 14th, 2020 | by Eurasia News

0

UNIONE EUROPEA: ITALIA “MAFIOSA”QUANDO RICEVE I CONTRIBUTI MA NON QUANDO LI PAGA

Continua la polemica sulle dichiarazioni dell’ultra conservatore giornale tedesco Die Welt – nei  giorni scorsi le proteste sono state bipartisan.

Non ci è bastata la beffa francese della pizza al coronavirus, adesso sono i tedeschi ad usare la scusa del virus per portare avanti lo stereotipo dell’Italiano tutta piazza, mafia e mandolino.  Il Die Welt, difatti, apre con l’accusa all’Italia di aspettare i soldi dall’UE per darli in pasto alla mafia. Ora, se è vero che nazione è un concetto astratto e sono i cittadini a fare una nazione, beh, allora, le accuse sono volte al popolo italiano. Non a tutti, certo, ma ai politici, a chi ci governa; ma chi ci governa è liberamente eletto da noi cittadini e se è vero che un Parlamento è l’espressione di un popolo, allora per proprietà transitiva, siamo tutti più o meno mafiosi o ben contenti di dare i nostri soldi alla mafia essendo incapaci di gestirli da soli. Perché anche questo è stato detto: che i soldi devono arrivare centellinati e controllati dall’UE. Cosa sia l’UE e chi la rappresenti è da sempre di complicata definizione, ma lo è ancora di più ultimamente- dal momento che nei gruppi europarlamenti in cui  nei giorni scorsi si è deciso del futuro dell’Europa tra ritardi e rinvii vari , tra discussioni infinite su coronabond si, coronabond no, il Presidente del Parlemento Europeo, David Sassoli, non era stato neanche chiamato a partecipare . 

Chi deve essere quindi a controllare che noi Italiani spendiamo bene i nostri soldi? I tedeschi forse?

E se nessuna dissociazione sulle vergognose dichiarazioni da parte della cancelleria tedesca è arrivata, come richiesto dal Ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, pare arrivato però l’accordo dei cinque ministri europei (Spagna, Francia, Italia, Germania, Olanda)sulla sorte europea: no al coronabond, si al Mes “light”. Pare. 

Ma se i ministri si sono detti soddisfatti sull’accordo raggiunto, come lo stesso Commissario Europeo all’economia, Paolo Gentiloni, meno lo sono da qualche altra parte, uniti non solo dal comune punto di vista sull’inefficienza Mes , ma anche da quel sentimento comune di biasimo nei confronti di chi giudica e si fa unico paladino della sorte europea.  Le dichiarazioni del Die Welt toccano nervi scoperti, e mostrano senza sottintesi, tutto il disprezzo celato, minando la faticosa costruzione di una solidarietà europea.

Si potrebbe dire che “Frau Merkel” ha ascoltato appieno l’appello del Die Welt: “I coronabond,- cito testualmente il quotidiano –  “potrebbero provocare una gigantesca perdita di miliardi per i contribuenti tedeschi senza esser certi sul risultato auspicabile per l’Italia“-” le risorse europee devono essere spese solo per la sanità e naturalemente gli Italiani devono essere controllati da Bruxelles e dimostrare l’uso appropriato del denaro“. 

Insomma, nonostante il pugno fermo di Conte, le cose sono andate esattamente così. Pare. 

Ma veramente il MES è lo strumento più adatto? 

Parallelamente alla pubblicazione del Die Welt, lo Spiegel, notissimo giornale tedesco di Amburgo si esprimeva esattamente al contrario. 

«Il rifiuto tedesco degli eurobond è non solidale, gretto e vigliacco”. È Steffen Klusmann, il direttore, a firmare un editoriale ,in cui è molto duro con la cancelliera Merkel-“Invece di dire onestamente ai tedeschi che non esistono alternative agli Eurobond in una crisi come questa, il governo Merkel insinua che ci sia qualcosa di marcio in questi bond. Ovvero, che in fin dei conti sarebbero i laboriosi contribuenti tedeschi a dover pagare, in quanto gli italiani non sarebbero mai stati capaci di gestire il denaro.”-” L’enorme violenza della pandemia ha comportato una vera e propria tragedia umana e medica in Italia e in Spagna — anche perché ultimamente ambedue gli Stati avevano attuato una forte politica di austerity, come voluto da Bruxellese non perchè vivessero al di la delle proprie possibilità“.
Apparire come il guardiano della virtù finanziaria in una situazione del genere è gretto e meschino. Forse conviene ricordare per un momento chi è stato a cofinanziare la ricostruzione della Germania nel Dopoguerra“.

Gli eurobond o coronabond, sono debiti in comune, non un’elemosina. Sono obbligazioni emesse dagli Stati, per cui gli Stati più forti si fanno responsabili anche degli Stati meno solidi. Questo comporterebbe  che ad esempio, la Germania, avrebbe un costo maggiore sul prestito di quanto non sia per l’Italia. Ma paesi più deboli come l’Italia, se lasciati soli, potrebbero non essere proprio in grado di prendere in prestito soldi dal mercato finanziario con dei tassi di interesse troppo alti. 

Ancora Klusmann– ” tutti sanno che il ricorso al MES( il fondo salva stati) sarebbe insufficiente ma ammorbidire le condizioni per accedere ai suoi (insufficienti) fondi servirebbe a dare il via libera alla Banca centrale europea, «che potrebbe acquistare quello che nessun altro vuole. Già otto anni fa, la banca centrale era già stata usata dai politici come ultimo baluardo, perché i governi erano troppo vigliacchi per risolvere i problemi da soli. De facto però, tutte queste proposte avrebbero lo stesso effetto: una gigantesca collettivizzazione dei rischi — solo che non si chiamano eurobond“.

E se anche volessimo lasciarci alle spalle le polemiche, i nervi restano scoperti. 

Durissimo l’attacco del  vicepresidente al Parlamento Europeo, Fabio Massimo Castaldo, nei confronti del Die Welt, che lascia ben intendere che quando qualcuno si permette di attaccare un altro,  dovrebbe essere nella posizione di farlo. 

 “Le accuse vergognose rivolte al nostro Paese dal quotidiano tedesco Die Welt ci indignano, non solo perché è profondamente sbagliato additare un intero Paese indiscriminatamente come mafioso, ma anche perché il giornale omette di menzionare le carenze della legislazione tedesca, purtroppo particolarmente attraente per le attività di riciclaggio della criminalità organizzata”.

“Perché non svolgono un’inchiesta giornalistica sull’opacità del segreto bancario tedesco e su tutte le falle normative e regolamentari che consentono alla Germania di avere un sistema tristemente noto per essere massicciamente utilizzato dalle mafie per riciclare il denaro? -chiede Castaldo – Perché non spiegano che in Germania non esiste limite al contante e una normativa simile a quella italiana, che è la più dura al mondo?”. 

Per non parlare dell’Olanda, che fa regolamente dumping sociale ed è un paradiso fiscale.

E sono proprio Germania e Olanda ad accusarci, il che è paradossale. 

Tutto questo solleva una profonda riflessione, dal momento che tutti quanti noi ricordiamo i sacrifici in termini fiscali fatti per rientrare nei paramentri europei. Il nostro deficit nei confronti dell’Europa è in passivo da decenni, anche se non di tanto. Ogni anno infatti,  l’Italia versa all’Europa circa 12 miliardi, per riceverne circa 9. Questo fa di noi dei creditori, non dei debitori. Facendo un conto, negli ultimi venti anni, abbiamo raccolto un credito di circa 60 miliardi. Sessanta miliardi che sono finiti tra vari Mes e fondi salva stati . E questi soldi da dove sono arrivati se non dai contribuenti italiani che si son visti aumentare tasse di anno in anno per rispondere alla macchina europea? Da dove sono arrivati, se non anche dai tagli fatti alla pubblica istruzione ed alla sanità?  E se chiudi un ospedale per esempio, perdi posti di lavoro. E se si tagliano posti di lavoro, in settori altamente necessari al mantenimento del benessere della collettività, non sorprendiamoci troppo se poi devono arrivare medici da Cuba, dalla Cina e dall’Albania, perchè i nostri non sono abbastanza(al di la della solidarietà internazionale).

Un circolo vizioso insomma, ma  necessario, per mantenere questa grande struttura che si chiama Europa. Un Europa  fedele alla logica del capitale. Ma lo sappiamo- la politica è spesso l’arte del possibile: si fa quel che si può. Basterebbe solo ricordarsene però, fosse solo per esserne coscienti. 

Noemi Maria Cognigni

Tags: , , , , , , , , , , ,


About the Author



Comments are closed.

Back to Top ↑
  • Translator

  • Eurasia News TV

  • Official Facebook page

    Facebook By Weblizar Powered By Weblizar
  • 
      • Mosca
      • Roma
      • Baku
        • Wednesday 30 09
        • ??°
        • icon
          • Min°
          • Max°
    Geolocation...
    weather press loader
    • Recent Posts

    • Archivi

    • Newsletter

      Subscribe to our newsletter