Ossezia

Published on aprile 2nd, 2020 | by Eurasia News

0

BESLAN E TSKHINVAL SOLIDALI CON L’ITALIA

La drammaticità della diffusione in Italia, soprattutto nelle regioni del nord, del Covid-19 ha fatto il giro del mondo e colpito la sensibilità di tutti, anche di più scettici circa la pericolosità e la propagazione del virus. Dall’estero numerosi sono stati gli attestati di solidarietà ricevuti dal nostro paese, sia simbolici tramite l’illuminazione con i colori della bandiera nazionale dei monumenti di maggior importanza, sia fattivi con l’invio di personale e materiale socio-sanitario. L’Italia ha sempre affascinato con la sua bellezza, la  spensieratezza e cordialità del suo popolo, il suo esser sinonimo di vacanze e di bella vita. Difficile pensarla, nell’immaginario collettivo straniero, vittima di un dramma. Ed è per questo che l’attenzione mondiale dei media e della gente si è riversato verso il Belpaese in maniera molto appassionata.

Tra i vari gesti di solidarietà ricevuti, verso i quali è stato dato risalto in questi giorni, ne spiccano un paio di minor intensità di interesse mediatico e quindi rimasti sconosciuti ai più ma che tra quelli simbolici, forse, risultano tra i più potenti per il messaggio trasmesso. Entrambi provengono dalla stessa area geografica ed entrambi da popolazioni che hanno vissuto tragedie in prima persona e conoscono la sofferenza.

Il primo gesto è quello dei cittadini di Beslan, località della Repubblica dell’Ossezia del Nord Alania ed appartenente alla Federazione Russa, che hanno voluto accendere, la sera del 28 marzo, decine di candele creanti la scritta “Italia, siamo con te!” accompagnate da una bandiera verde-bianco-rossa.

Beslan è tristemente famosa per l’attacco terroristico avvenuto nel 2004 alla Scuola n.1 dove persero la vita più di 300 persone delle quali circa 180 bambini. Per questo, il messaggio lanciato da Beslan città che ha sofferto e continua a farlo in silenzio per la perdita di una sua intera generazione è denso di significato e l’associazione “Madri di Beslan” ha voluto testimoniare la gratitudine della loro comunità all’Italia. Questo perché Beslan è lontana dall’Italia a livello geografico ma non su quello della  considerazione e della memoria. Proprio l’Italia, con vari progetti, ha aiutato Beslan nei momenti successivi al dramma che ha vissuto e questi rapporti di amicizia, portati avanti e perpetrati nel corso degli anni dall’associazione “Aiutateci a Salvare i Bambini Onlus” con l’attivismo del suo presidente Ennio Bordato (tanto da meritarsi anche la cittadinanza onoraria) e da qualche altro nostro connazionale frequentante l’area, sono più intensi che mai. Magari questi legami non conquistano la vetrina principale dell’informazione ma la solidarietà, in realtà, non ha bisogno di protagonismo.

Il secondo gesto, anche questo simbolico, è pervenuto da qualche chilometro più a sud di Beslan e precisamente da Tskhinval, sconosciuta a molti, capitale della Repubblica dell’Ossezia del Sud-Alania.

L’Ossezia del Sud, repubblica indipendente de facto e slegata politicamente da quella del Nord, ha vissuto anni drammatici di guerra ed embargo economico a causa dei quali continua ancora a pagare pesanti conseguenze. Un territorio quindi non eccellente economicamente ma ricco di una forte sensibilità popolare e dagli intensi rapporti umani. Come per Beslan anche per l’Ossezia del Sud l’Italia è da tempo in primo piano sul fronte dell’amicizia. Tramite infatti anche una Rappresentanza in Italia della piccola repubblica caucasica che ha all’attivo numerose iniziative socio-culturali, il nostro paese è conosciutissimo a Tskhinval e nel resto del paese e l’amore verso di noi molto diffuso. Per questo, alle prime drammatiche notizie che giungevano nel Caucaso circa la situazione che l’Italia sta vivendo in queste settimane, in tantissimi hanno avvertito l’esigenza di esprimere vicinanza alla nostra penisola. L’iniziativa popolare ha avuto il suo culmine pochi giorni fa con l’invio di un video-messaggio augurante una pronta ripresa che il Ministro degli Esteri, Dmitry Nikolayevich Medoyev, ha inviato al popolo italiano a nome della cittadinanza ossetina del sud.

Beslan e Tskhinval, due piccoli centri incastonati nelle montagne del Caucaso accomunate da parentele etniche e da dolorose tragedie vissute, divise politicamente ma unite nel sentimento di sincera tristezza  provata per l’Italia in questo periodo.Due piccoli gesti simbolici ma dall’alto valore in tema di stima, due attestati di profonda amicizia che valgono più di tanto altro.

Luca Pingitore

Tags: , , , , , , , ,


About the Author



Comments are closed.

Back to Top ↑
  • Translator

  • Eurasia News TV

  • Official Facebook page

    Facebook By Weblizar Powered By Weblizar
  • 
      • Mosca
      • Roma
      • Baku
        • Wednesday 02 12
        • ??°
        • icon
          • Min°
          • Max°
    Geolocation...
    weather press loader
    • Recent Posts

    • Archivi

    • Newsletter

      Subscribe to our newsletter