Economia

Published on aprile 10th, 2017 | by Eurasia News

0

I Tomahawk portano certezza?

Lo scorso sabato si è concluso il 28-o workshop con il focus sullo Scenario dell’Economia e della Finanza, organizzato da The European House – Ambrosetti,  riconosciuto negli ultimi Villa D'Este a Cernobbioanni come il Primo Think Tank Privato Italiano ed è tra i primi 10 in Europa e i primi 100 più apprezzati su 6.846 a livello globale.

Il luogo dell’incontro in Lombardia come da tradizione è stato nella Villa D’Este a Cernobbio.

Nei principali argomenti affrontati nel corso del Workshop il focus principale è stato sulle future promesse dei potenziali mercati emergenti, la situazione post-Brexit in l’Europa e Gran Bretagna, sul futuro dell’Euro, sulla futura Governance Economica Europea e sulle strategie di investimento nel mondo post-Brexit.

Cernobbio Confcommercio 2017 2Al Workshop hanno partecipato relatori esperti e rappresentanti da diversi paesi: Italia, Svizzera, Francia, Germania, Gran Bretagna, Lussemburgo, Spagna, Israele, USA, Brasile, China e Paesi Arabi. Tra di loro – esponenti di istituzioni e organizzazioni bancarie, finanziarie e consulting tra i più importanti del mondo, come JP Morgan,  Goldman Sax, HSBC,  Banca d’Inghilterra, Banca di Francia, Group of Thirty, Nomura Research Institute, China Development Bank,China Banking Regulatory Institute, e di diverse commissioni governative per le politiche monetarie e sviluppo. Al Workshop hanno partecipato anche figure importanti della politica italiana oltre ai specialisti dell’economia italiana: Renato Brunetta, Mario Monti  e Enrico Letta.

L’economia e la politica sono da sempre legate tra di loro e si influiscono creando qualche volta degli scenari inaspettati. Da questo punto di vista i Cernobbio Confcommercio 2017workshop di questo tipo hanno un grande valore perché nello scambio delle opinioni a livello internazionale si riescono a tracciare i possibili scenari dello sviluppo dell’economia globale.

Lo scenario geopolitico globale ultimamente subisce delle scosse continue e in conferma delle incertezze geopolitiche mondiali nella notte del 07 Aprile il mondo si è svegliato scosso dalla notizia del bombardamento di una base militare in Siria da parte delle Air Force militari degli Stati Uniti sotto il comando del nuovo Presidente Americano Donald Trump. Così è iniziato il workshop e in primis nelle pause del forum abbiamo sentito i pareri dei politici italiani presenti:

Utkin - BrunettaRenato Brunetta ha espresso un forte disappunto su questa azione militare anche se secondo lui il bombardamento era una azione prevedibile, considerando la strategia politica americana e l’agenda del nuovo precedente Donald Trump.

In particolare Brunetta ha sottolineato la sua opinione convinta che “per combattere effettivamente il terrorismo non bastano singole imprese, ma deve essere creata la sinergia tra tutti gli interessati, e che proprio in funzione dell’argomento antiterrorismo il dialogo deve ricominciare anche insieme alla Russia che è il diretto interessato, e che lui personalmente nei giorni scorsi ha fatto una dichiarazione al Governo Italiano chiedendo al Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni di invitare la Russia come un alleato alla G7 che si terrà a Taormina nel Maggio 2017.”

Enrico Letta esprimere l’opinione che “l’unilateralismo Usa è pericoloso” e che il conto lo pagherà Europa, e che nel 2013 quando lui era il Mario Monti a Cernobbio Confcommercio 2017Presidente del Consiglio, l’amministrazione Obama decise di non colpire la Siria perchè il parlamento Britannico si era opposto e gli USA non volevano agire da soli. Enrico Letta ha aggiunto che sicuramente se sono state trovate delle armi chimiche il presidente siriano Assad è dalla parte dei “nemici”, ma che non possiamo pensare che eliminando lui abbiamo vinto, perchè il nemico vero di tutti oggi è Daesh, nemico anche di Assad e quindi le soluzioni non sono unilaterali e le azioni non possono essere emotive, ma basate sulla razionalità.

Senatore Mario Monti invece ha ribadito “che non occorrevano i bombardamenti americani in Siria per arrivare alla conclusione che ci vuole più Europa e che gli Europei devono far prevalere l’interesse che gli unisce. Ci vuole più Europa unita per avere una strategia comune per le soluzioni che sono nell’interesse di tutti.”

L’inizio del forum in questa atmosfera è stata un’ulteriore conferma che gli aspetti  geopolitici oltre agli aspetti macroeconomici avranno sempre Enrico Lettamaggiore impatto sull’economia, sul business e sulla società.

Inoltre nel mondo si osserva anche un declino generale dei processi democratici ed è nota la nascita dei nuovi leader politici con punto di vista nuovo e diverso prima di tutto sul sistema sociale ed economico e che vogliono essere indipendenti dal sistema globale: i leader come Vladimir Putin, Recep Erdogan, Nicolas Maduro e i nuovi movimenti populisti come il Movimento 5 Stelle e il partito di Marine Le Pen.  Tra questi leader alcuni vogliono salvaguardare l’economia del proprio paese ed essere indipendenti e avere un sistema più sociale e meno burocratico, e altri sono guidati da altre influenze, ma sono una relata che influisce sicuramente sulla situazione e il quadro politico-economico. In Europa inoltre c’è la crisi dell’Euro, l’implosione del progetto europeo, effetti della Brexit e l’attrito attuale nei rapporti tra la Germania e Francia quale crea ulteriore discordanza che non è di grande aiuto all’orchestra dell’economia europea.

Come è la situazione generale economica nelle previsioni:

La previsione della crescita dei mercati di primo livello tra l’Europa e gli USA per 2017 si registra tra i 0,8% (Italia – più bassa tra le economie europei forti) e 2,2% (USA), 1,8% per la media Europea, e 1,6% per l’Eurozona in media, quali cifre sono al ribasso nei confronti dell’anno 2016 escluso gli USA che sono in crescita anche se non altissima.

Nonostante che quest’analisi di crescita non è molto positiva, la maggioranza dei relatori e la platea degli imprenditori dei vari paesi che hanno partecipato all’workshop si sono espressi con Adam S. Posenl’ottimismo verso il futuro avendo fiducia nei vari progetti economico-finanziari già avviati e fiduciosi nella futura agenda economica di Donald Trump, così come nel supporto della Federal Reserve quali dovrebbero trainare in un certo senso l’economia globale. Inoltre un supporto economico maggiore si attende dalle aperture più attive dei mercati emergenti: Cina e Sud America, inoltre è sempre più importante l’ultimo megatrend: lo svillupo tecnologico in tutti i settori quale aprirà nuovi scenari non solo nel campo dei vari settori industriali, ma anche nella sanità e salute, benessere, wellness e qualità della vita producendo un maggiore impatto positivo sul business e sulla società in generale.

E’ stato svolto un televoto con diverse domande sulla previsione dei risultati di crescita 2017 considerando la situazione attuale politico-economica agli imprenditori partecipanti, dal quale emerge l’ottimismo per quanto riguarda la chiusura dei bilanci 2017 con risultati in breve qui seguenti: crescita inferiore di 10%  per i 44,4 % degli imprenditori presenti, previsione di aumento di posti di lavoro nell’organico a 10% per circa 30% dei partecipanti e per dare una nota ancora più positiva 28,6% degli imprenditori presenti prevedono una crescita superiore al 10% nel bilancio a fine anno.

TEHAMBROSETTIEssendo, Lombardia, la casa ospite del forum è stato anche presentato un progetto nuovo di eccellenza che riguarda la Regione Lombardia. Il progetto è stato presentato da Enrico Giovannini del Dipartimento di Economia e Finanza dell’Università di Roma e Giuseppe Bonomi Presidente della nuova societa Arexpo Spa che gestisce il patrimonio dell’area ex Expo di Milano. Si tratta di un progetto innovativo di eccellenza sull’utilizzo dell’aria ex Expo Milano che riguarda la creazione di un Parco Tecnologico: Human Technopole. Si prevede trasferimento di parte delle attività dell’Università Statale di Milano e del trasferimento e potenziamento di un ospedale di rango IRCCS (Istituto di Ricoveroe Cura a Carattere Scientifico). Il progetto, coordinato e diretto da Arexpo Spa vuole creare un polo di eccellenza europea e mondiale sul territorio italiano nei campi di lifescience, healthcare, biotecnologie, farmaceutica, agrifood, nutrizione, datascience e big data. Sono già stati selezionati i potenziali partner importanti a livello internazionale di alto ranking nello sviluppo dei settori sopracitati per la partecipazione al progetto che nel suo avviamento sarà svolto sulla base di appalto. Il progetto avrà il suo avvio in tempi brevi con la partenza degli inviti a partecipazione e presentazione dei progetti di investimento in 2 settimane partendo già da lunedì 10 Aprile con il tempo di presentazione delle domande di 90 giorni.

Il parco oltre alle funzioni di polo tecnologico innovativo di ricerca, avrà funzioni anche pubbliche ed è prevista l’apertura di circa 3000 posti di lavoro,parco scientifico tecnologico così come secondo le analisi il progetto avrà break even a 3 anni. Il progetto del Parco Scientifico Tecnologico è un’iniziativa che rappresenta un’enorme opportunità per il sistema-Paese, per la Regione Lombardia e per il comune di Milano, in termini di valorizzazione delle risorse territoriali, potenziamento della competitività a livello internazionale e posizionamento ed attratività delle zone d’interessate.

Con questa nota ottimistica sullo scenario globale dell’economia e per la regione Lombardia, il Workshop è terminato anche se la conclusione generale sulla sicurezza economica è un pò incerta, considerando i rischi politici e geopolitici.

Olga Sevastakieva, Cernobbio



Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,


About the Author



Comments are closed.

Back to Top ↑
  • Translator

  • Eurasia News TV

  • Official Facebook page

    Facebook By Weblizar Powered By Weblizar
  • 
      • Mosca
      • Roma
      • Baku
        • Sunday 22 09
        • ??°
        • icon
          • Min°
          • Max°
    Geolocation...
    weather press loader
    • Recent Posts

    • Archivi

    • Newsletter

      Subscribe to our newsletter