Azerbaijan

Published on febbraio 28th, 2017 | by Eurasia News

0

Khojaly: la tragedia del secolo

Incappiamo continuamente in vari avvenimenti, nella storia dell’umanità, che provocano  una  massiccia perdita di vite umane. Ovviamente sono varie anche le cause che stanno alla base di questekhojaly-massacre vicende: cambiamento climatico, disastri naturali, malattie che si diffondono rapidamente e guerre – considerate crimini contro l’umanità. Come ben sappiamo, nel XX secolo il mondo  è stato  testimone di due grandi  guerre, a causa delle quali milioni di persone hanno perso la vita. Nonostante i popoli sperino nella pace, purtroppo anche al giorno d’oggi, riceviamo notizie di guerre  da varie parti del mondo e con migliaia di vittime.

Negli ultimi anni del XX secolo il Caucaso del Sud ha rappresentato una zona calda. Alla vigilia della caduta del grande impero sovietico, tra la fine degli anni  ’80 e gli inizi degli anni ’90, il conflitto del  Nagorno Karabakh  fra Armenia e Azerbaigian è prepotentemente emerso. Nella guerra iniziata alla fine degli anni ’80 e durata sino a maggio 1994, la parte azerbaigiana ha subito le perdite peggiori. Il 20% del territorio dell’Azerbaigian è  stato occupato da parte delle forze militari armene. A causa delle conseguenze della guerra, attualmente in Azerbaigian abitano circa un milione di Khojalysfollati interni, espulsi con forza dalle proprie terre native da parte degli armeni. Nonostante la firma dell’accordo di cessate il fuoco, il conflitto non ha ancora trovato una sua soluzione, per la posizione non collaborativa della parte armena. Le 4 risoluzioni – Risoluzioni n. 822 (30 Aprile, 1930), n. 853 (29 Luglio, 1993), n.874 (14 Ottobre, 1993) e n. 884 (12 Novembre, 1993) – adottate dal Consiglio di Sicurezza dell’ONU, una delle organizzazioni che ha avuto un ruolo di maggiore rilievo a livello internazionale sul Nagorno Karabakh, rimangono non eseguite  da parte degli invasori armeni.

Gli inizi dell’ultimo decennio del XX secolo rappresentano una delle pagine più  dolorose,  più  gravi, della storia del popolo azerbaigiano. In una condizione di  guerra da poco esplosa, l’ingresso delle truppe sovietiche il 20 Gennaio 1990 nella capitale Baku, e la perpetrazione di ciò, che passerà successivamente alla storia come Gennaio Nero, ha rappresentato uno dei colpi peggiori che un popolo potesse subire. Era molto difficile accingersi alla difesa dei propri territori da parte di un popolo in lutto, e  cercare di  difendersi nonostante tutte le difficoltà. Le forze militari armene, sfruttando Emin Rustamov Copresidente di AGIAla situazione, continuavano ad  avanzare giorno dopo  giorno. Il piano, basandosi su una politica di pulizia etnica, era  quello di commettere una delle più grandi stragi, e  radere una città al suolo.  Le forze armate armene si sono avvicinate alla meta. Nella notte tra il 25 e il 26 febbraio 1992, le forze militari armene hanno accerchiato la città di Khojaly, disarmata e indifesa, con il supporto del 366° Reggimento Motorizzato  Fucilieri dell’Urss, dislocato a Khankendi, e hanno messo a ferro e fuoco la città con  brutalità, tramite  l’artiglieria pesante. In poco tempo la città ha preso fuoco. Entro le cinque di mattina Khojaly è stata totalmente conquistata e rasa al suolo dagli invasori armeni.  Nel corso del massacro sono state uccise 613 persone, più di 1000 residenti sono stati resi invalidi.  In una notte sono stati uccisi 106 donne, 63 bambini, 70 anziani, 10 famiglie sono state  completamente sterminate. 25 bambini hanno perso entrambi  i genitori e 130  bambini almeno un genitore. 1275 residenti sono stati presi in ostaggio, il destino di 150 di loro è ancora sconosciuto. Questo è il prodotto dell’ira e dell’odio contro il popolo azerbaigiano. Le vicende di cui sono stati immediatamente testimoni  i  sopravvissuti di Khojaly, i fatti e le prove dimostrano  che le azioni sono state realizzate con particolare crudeltà  e  brutalità. Possiamo dire che il massacro di Khojaly ha rappresentato l’inizio della politica di pulizia etnica  contro l’Azerbaigian. Possiamo comparare l’Olocausto, il massacro di Katyn  realizzato nel XX secolo, e tanti altri fatti orribili simili ad essi, con quello di Khojaly. Le note di un giornalista francese descrivono così la strage realizzata dagli armeni contro gli azerbaigiani: “Ho sentito molte cose sulla crudeltà. Ma gli armeni le superano uccidendo bambini di 5-6 anni e civili.”

Il corrispondente del giornale Izvestia, V. Bleix, valutava ciò che aveva visto in questo modo: “Periodicamente vengono portati ad Agdam i cadaveri degli azerbaigiani scambiati con ostaggi vivi. Neanche in un incubo è possibile vedere cose del genere: occhi trapanati, teste e orecchie tagliate, corpi tagliati a pezzi, cadaveri nudi  avvolti con il cordone Il massacro dimenticato degli azeriuno attorno all’altro  e trascinati nella parte posteriore della macchina. Non c’è limite alle barbarie.”

Potremmo elencare opinioni simili di centiania di testimoni. La pianificazione di quanto effettivamente avvenuto a Khojaly, l’aver commesso i crimini col fine di sterminio parziale o totale delle persone, confermano  che in base alla legislazione nazionale e del diritto internazionale si possa parlare di un genocidio. Alla luce di ciò possiamo dire che  il massacro di Khojaly deve  essere valutato allo stesso livello di  Katyn e  di Srebrenica, riconosciuti  a livello mondiale, valutati a livello giuridico.

Lavoriamo nel quadro della Campagna “Giustizia per Khojaly!”  verso l’affermazione dei fatti accaduti a Khojaly e il loro riconoscimento. Ormai Mehriban Əliyeva depone fiori sul monumento dedicato al massacro di Khhojalyuna serie di stati del mondo hanno riconosciuto la tragedia di Khojaly come un atto di genocidio: Messico, Pakistan, Colombia, Republica Ceca, Bosnia ed Erzegovina, Perù, Honduras, Sudan, Romania, Organizzazione della cooperazione islamica (OIC – 57 paesi membri), alcuni stati degli USA (Texas, New Jersey, Georgia, Maine, New Mexico, Arcansas, Mississippi, Oklahoma, Tennessee, Pennsylvania, West Virginia, Connecticut, Florida, Arizona).

Anche se  sono passati  25 anni, la questione mantiene ancora la sua attualità,  e noi speriamo  che la “tragedia di Khojaly” sarà apprezzata ad un livello più alto dal punto di vista giuridico .

Emin Rustamov

Copresidente  di AGIA

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,


About the Author



Comments are closed.

Back to Top ↑
  • Translator

  • Eurasia News TV

  • Official Facebook page

    Facebook By Weblizar Powered By Weblizar
  • 
      • Mosca
      • Roma
      • Baku
        • Saturday 23 03
        • ??°
        • icon
          • Min°
          • Max°
    Geolocation...
    weather press loader
    • Recent Posts

    • Archivi

    • Newsletter

      Subscribe to our newsletter